Consolidamento solai in laterocemento con metodo TECNARIA

I solai in laterocemento, realizzati in Italia a partire dagli inizi del XX secolo, risultano spesso non adeguati alle attuali esigenze costruttive: sono spesso carenti nelle materie prime impiegate (ridotto utilizzo di calcestruzzo o calcestruzzi poco resistenti, armature in acciaio non sufficienti) o sono stati progettati in modo non corretto.

La ridotta capacità portante e l’assenza di una soletta armata di ripartizione dei carichi, ora necessaria in zona sismica, richiedono interventi di rinforzo.

La realizzazione di una nuova soletta di calcestruzzo, resa collaborante all’estradosso del solaio esistente, risulta spesso la soluzione più economica ed efficace.

Il successo dell’ intervento dipende dalla capacità del collegamento, tra la parte esistente e la soletta aggiuntiva, di trasferire le azioni di taglio al fine di realizzare una sezione composta a completa interazione.

I connettori per solai in laterocemento Tecnaria sono stati studiati per questa specifica applicazione: testati presso l’Università di Venezia si posizionano secondo le prescrizioni fornite da una apposito software.

Prima di eseguire l’intervento sui solai sarà necessario eseguire delle valutazioni sullo stato di conservazione della struttura e sulle capacità meccaniche residue delle travi. E’ importante eseguire un rilievo geometrico, individuare la resistenza del calcestruzzo e soprattutto quantificare e qualificare l’armatura del travetto esistente.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Share this story!